domenica 1 luglio 2007

Hellboy è finito?

Ovviamente mi diverto con i titoli provocatori, quindi non ve la prendete troppo se non è affatto vero, semplicemente è la recensione all'ultima uscita che in qualche modo ha a che fare con Hellboy, in attesa che l'autore rimetta le mani sul suo personaggio più famoso.

Il tempo a mia disposizione è molto poco, probabilmente per un po' riuscirò ad aggiornare il blog solo nel fine settimana, quindi bando alle ciance e ciancio alle bande:

Continuano le vicende del Bureau of Paranormal Research and Defense, l'agenzia per cui lavorava Hellboy, vicende narrate con la supervisione e il contributo anche creativo di Mike Mignola, ma comunque portate avanti da altri sceneggiatori e disegnatori.

E pur avvalendosi del contributo di un autore non di poco conto come John Arcudi (creatore di The Mask), e del disegno di un bravo professionista come Guy Davis, dal segno personale ma che non mi spiace, non arriva al livello delle opere curate completamente da Mignola.
In questa vicenda proseguono i rospacci mostruosi a impazzare, si avvicendano le minacce di mostri di proporzioni immani dal vago sapore lovecraftiano, continuano le lotte e i tumulti dei protagonisti, l'anfibio Abe, Roger il golem, Johann l'uomo vaporizzato e Liz la pirocinesica: continuano ma senza quel misto di leggerezza e di horror (o meglio, evocazione di horror) che caratterizzano il lavoro del creatore di Hellboy, grazie a quell'ironia nei dialoghi e alla raffinatezza del segno che vi sapeva mettere.

Al momento, e non a caso, gli unici lavori altrui che hanno coinvolto il mondo di Hellboy con risultati anche ottimi sono stati - a parte le cover - quelli su Hellboy Junior, un piacevole divertissement.

M.Mignola, J.Arcudi, G.Davis, B.P.R.D. - La fiamma nera, Magic Press, 14,00 euro.
Posta un commento