domenica 17 giugno 2007

Le vite degli altri

Bel film, Le vite degli altri, anche se venato da una certa dose (liberatoria) di ottimismo: non proprio ottimismo nei riguardi di tutti i personaggi, ma comunque ottimismo per i risultati delle scelte - difficili - del protagonista/agente della stasi, e del protagonista/autore teatrale (anche se non privo del suo epilogo tragico, è ottimismo per il giudizio morale che ne risulta).
Un triangolo virtuale (meritorio di maggiore analisi, i due sono in fondo le due facce di una stessa medaglia, la vita sotto il regime) tra i due e l'attrice compagna del drammaturgo e oggetto del desiderio.
Ottimismo che in altri tempi non ci saremmo potuti concedere.

Le vite degli altri, regia di F. Henckel von Donnersmarck, con M.Gedeck, U.Mühe, S.Koch, U.Tukur.
Posta un commento